Trail News

I Limiti? sono nella mente

Quale è la cosa peggiore che potrebbe accadere se fallisco? 

mental runningE’ semplicemente questa la domanda migliore che puoi porti prima di una gara importante. Ti sei posto un obiettivo, ti sei allenato per raggiungerlo oppure qualche ostacolo ti ha impedito di fare del tuo meglio. Cambia poco. Se non centri il tuo obiettivo cosa ti può capitare?

Parto subito con un esercizio per te prima di arrivare a parlare delle maledette convinzioni che, come delle palle al piede, frenano la piena espressione delle tue capacità e della tua motivazione a fare bene e a fare meglio.

Scrivi nel dettaglio le situazioni più catastrofiche in cui potresti finire se fallisci il tuo obiettivo. Usa sostantivi, verbi, aggettivi.

L’hai fatto? Bene, ora continua a leggere!

Se hai ben definito i contorni del tuo obiettivo, che sia un obiettivo di performance o di risultato, il fatto che sia realizzabile per te non esclude la possibilità di incontrare degli ostacoli, sia interni, dettati dai tuoi limiti fisiologici o da tue convinzioni interiori limitanti, così come esterni, dettati dal contesto in cui vivi e con cui ti misuri o da infortuni e stop tecnici di varia natura.

Le nostre credenze o convinzioni sono i principi in base ai quali diamo un senso alle nostre esperienze. Che siano belle o brutte. 

Una credenza é «l’atteggiamento di chi riconosce per vera una proposizione», ammettendone la validità sul piano della verità oggettiva, nel senso che credere in un pensiero personale equivale ad affermare che é vero, o quantomeno che ci sono buone ragioni per affermare che sia vero.

Si tratta praticamente di ciò che noi crediamo essere vero su noi stessi, sulle persone che ci circondano, sulla vita in generale. 

Se continui a pensare che la maratona in meno di 3 ore non riesci a finirla stai limitando te stesso e la piena espressione delle tue risorse, in particolare, la tua capacità di AUTO MOTIVAZIONE, la tua creatività nell’escogitare soluzioni, la tua vitalità, la tua resilienza e così via.

Le credenze limitanti ostacolano, quindi, la piena espressione delle tue potenzialità fisiche e mentali. Magari proprio quelle potenzialità che ti permettono di esprimere il meglio di te, di migliorare un tempo di una gara o di superare l’amico che sempre arriva per poco prima di te.

Altra cosa: tra le convinzioni limitanti più perfide c’é la paura. 

Ansia, calo improvviso della memoria, sudorazione, cefalea, nausea, movimenti maldestri, sensazione di non avere nulla da dire: ti riconosci in qualcuno di questi eventi psicofisici?

Se si, potresti essere soggetto alla paura di fallire, o alla paura di non essere all’altezza oppure alla paura di vincere. Che é una gran brutta bestia.

Sappi, però, che il coraggio si alimenta attraverso la paura.

Se credi che il tuo limite più grande sia proprio la paura ricorda che il panico a volte é necessario, é addirittura indispensabile.

Voglio che tu capisca che i limiti più grandi sono quelli che tu stesso ti poni e che abbatterli é molto più facile di quel che pensi.

Pensa al tuo obiettivo, al tuo #sognaingrande, quali sono i punti deboli che bloccano, o potrebbero bloccare, la tua azione ?

Quali convinzioni limitanti rispetto a te stesso sporcano la piena espressione delle tue potenzialità?

Quali buone ragioni hai (ossia fatti concreti) per credere che le convinzioni rispetto a te stesso siano vere?

In che modo le tue convinzioni sono assurde?

Ora passiamo all’azione!

Ti lascio qualche strumento semplice e al contempo concreto per smantellare le convinzioni limitanti o de-potenzianti.

La prima cosa da esercitare è la padronanza sul proprio dialogo interno.

running-crazyQuando dici a te stesso “oggi non riuscirò a fare bene, oggi ho dolore al ginocchio e sono sicuro non farò bene, oggi non sono in condizione di migliorare, oggi ci sono atleti molto più forti di me” etc. etc. prova invece ad intervenire consapevolmente e dire a te stesso “oggi farò del mio meglio nonostante le mie condizioni” oppure “oggi mi impegno a competere al mio massimo livello” “Oggi ci sono atleti forti ma sono forte pure io”, oppure ancora “oggi sono sicuro di farcela”.

Trova le frasi che funzionano per te, che motivano te a fare del tuo meglio.

Questo è un punto di partenza di facile impiego, poco impegno ed immediata efficacia.

Se vuoi approfondire il discorso con un percorso mentale personalizzato scrivimi una mail definendo quali sono le tue convinzioni limitanti e vediamo di spazzarle via.

Mail hello@lucillarizzini.com

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*